CONSEGUIMENTO
RECUPERO PUNTI
RINNOVO


 
CONVERSIONE PATENTI ESTERE E MILITARI


Conversione Patenti Estere non comunitarie
(Preso da: http://www.scuolaguida.it/index.php?action=index&p=140)

Per i titolari di una patente di guida non comunitaria è possibile guidare veicoli cui la patente abilita fino ad un anno dall’acquisizione della residenza.
Dopo un anno è necessario, per poter condurre veicoli sul territorio italiano, convertire la patente. Ciò è possibile se lo Stato che ha rilasciato l’abilitazione alla guida ha sottoscritto accordi di reciprocità con l’Italia.
Si riporta l'elenco degli Stati per i quali è possibile ottenere la conversione delle patenti (dati pubblicati sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - www.mit.gov.it - al 20 gennaio 2011):

Conversione permessa a tutti i cittadini:

Albania (fino al 15 agosto 2014)

Lussemburgo
Algeria Macedonia
Argentina Malta
Austria Marocco
Belgio Moldova
Bulgaria Norvegia
Cipro Paesi Bassi
Croazia Polonia
Danimarca Portogallo
El Salvador (fino al 19 settembre 2014) Principato di Monaco
Estonia Repubblica Ceca
Filippine Repubblica di Corea (Corea del Sud)
Finlandia Repubblica Slovacca
Francia Romania
Germania San Marino
Giappone Slovenia
Gran Bretagna Spagna
Grecia Svezia
Irlanda Svizzera
Islanda Taiwan
Lettonia Tunisia
Libano Turchia
Liechtenstein Ungheria
Lituania

Uruguay (fino al 12 dicembre 2014)

Conversione permessa solo ad alcune categorie di cittadini:

  • Canada (personale diplomatico e consolare)
  • Cile (personale diplomatico e loro familiari)
  • Stati Uniti (personale diplomatico e loro familiari)
  • Zambia (cittadini in missione governativa e loro familiari)

 

Patenti Estere Comunitarie

Per i titolari di una patente di guida rilasciata da uno Stato dell'Unione Europea è possibile guidare sul territorio italiano veicoli per i quali è valida la loro patente, senza obbligo di conversione dopo un anno dall'acquisizione della residenza in Italia.
Per le patenti comunitarie è comunque consigliabile richiedere, in alternativa, la conversione oppure il riconoscimento di validità (ad esempio per facilitare le procedure di rinnovo o duplicato patente).
Le patenti comunitarie per cui non si provvede a nessuna delle operazioni sopra riportate seguono comunque le normative italiane per quanto riguarda il rinnovo ed eventuali provvedimenti sanzionatori.


Differenza tra la procedura di conversione e di riconoscimento per una patente estera comunitaria

Nella procedura di conversione la patente originale viene sostituita dalla patente italiana.

Nell’operazione di riconoscimento, invece, il conducente rimane in possesso dell’abilitazione di guida originale alla quale viene applicato un tagliandino adesivo che la identifica nell’anagrafe nazionale degli abilitati alla guida.


Conversione patente militare in congedo

La richiesta deve essere presentata entro un anno dalla data del congedo.


Conversione patente militare in servizio

Visto le continue modifiche delle procedure e dei documenti necessari, ci scusiamo e non ci assumiamo responsabilità per eventuali inesattezze ed errori per quanto sopra riportato.

 

 

TRAVERSETOLO
Visite Mediche
Tutti i martedì
18:30 - 19:30

LANGHIRANO
Visite Mediche
Tutti i giovedi
18:45 - 19:30


         

 

 

     
     

Seguici su Facebook

TRAVERSETOLO via F.lli Cantini 75/C - 43029 Traversetolo PR - Tel.: +39 0521 844422 - Fax.: +39 0521 844422 - autoeuropea@libero.it
LANGHIRANO P.le Corridoni 4/A - 43013 Langhirano PR - Tel.: +39 0521 852733 - Fax.: +39 0521 852733 - europea.langhirano@libero.it